Atmos è una carrozzina superleggera ed una soluzione di mobilità del tutto nuova, sia nel portafoglio d’offerta Moretti che sul mercato.

Dietro ad Atmos c’è stato un lungo studio, una valutazione precisa e puntuale delle esigenze di tutti coloro che, pur non potendo contare sulla propria integrità fisica, mantengono uno stile di vita attivo, utilizzando la carrozzina per molte ore consecutive ogni giorno, spostandosi in contesti urbani con frequenti trasbordi o affrontando condizioni ambientali complesse.

Atmos vuole essere una risposta in grado di soddisfare davvero molte delle loro esigenze, senza compromessi e a caratterizzarla, oltre alla leggerezza, è sicuramente l’assoluta versatilità.

Le regolazioni, le personalizzazioni e le opzioni disponibili sono poi moltissime e tali da renderla una soluzione di mobilità realmente su misura ed a condizioni realmente economiche.

Vediamola quindi in ogni dettaglio:

Struttura, peso e seduta

Atmos è una carrozzina richiudibile ed ultraleggera. Il suo peso è inferiore ai 13kg nella configurazione standard; la struttura è realizzata in duralluminio con mono crociera e la portata massima è di 120 kg.

Il telaio è disponibile nei toni del bianco, del rosso o del nero; ha lo schienale regolabile in altezza e la seduta prevede una variazione in profondità che da un minimo di 42 cm si estende a 52, con intervalli intermedi di soli 2 cm.

La dinamica di movimento

La dinamica di movimento è affidata a ruote posteriori a 36 raggi, asportabili con un meccanismo di innesto rapido; ed a ruote anteriori, regolabili in altezza ed inclinazione sulle forcelle. A cui si aggiunge la dotazione di freni di stazionamento dal movimento e dal design esclusivo.

A caratterizzare le ruote posteriori, oltre alla presenza di un cerchio corrimano e di una gommatura da 60 centimetri di diametro, è la possibilità di regolare la campanatura tramite un semplice sistema di spessori conici sul mozzo delle ruote e di variarne l’angolo da 4° a 0°, in modo da poter avere una carrozzina più o meno scorrevole nei movimenti. L’obiettivo è qui quello di garantire, ad ogni singolo utilizzatore, la creazione delle condizioni ideali a livello posturale e di stabilità.

Anche le ruote anteriori sono dotate di un particolare supporto della forcella, grazie al quale si può inclinare su vari gradi il corpo permettendo una regolazione ottmale in logica anti-ribaltamento, anche quando la seduta viene inclinata in modo molto evidente.

Gli appoggi

La seduta prevede un sedile in tessuto idrorepellente, con imbottitura interna ed è regolabile grazie ad un sistema di fasce tensionabili, ricoperte da una imbottitura morbida in tessuto 3D traspirante. La pedana, accessoriata con fascia poggiapolpacci, è di tipo unico in tubolare con aggancio e fulcri laterali, per adattarla in funzione delle necessità dell’utilizzatore. I fianchetti laterali, anch’essi regolabili in altezza ed in profondità in funzione degli spostamenti delle ruote posteriori, sono dotati di proteggi abiti in nylon composito con bordatura superiore a copertura del pneumatico.

e poi..

Atmos permette infinte combinazioni e personalizzazioni. E’ al 100% compatibile con il propulsore elettrico anteriore Tiboda e configurabile “ad personam” negli assetti, nel design e nel confort. E’ una soluzione di mobilità per chi cerca un nuovo alleato, in grado di rispondere con specificità a stili di vita e movimento sempre più complessi e frenetici.

Per saperne di più contatta il nostro agente di zona più vicino a te. Trovalo qui

Mostra il contenuto completo

Autore Visualizza notizie

Redazione
Redazione

Moretti Service and Consulting è un’agenzia di comunicazione specializzata in ambito healthcare. MSC è un vero e proprio spin off aziendale, un comparto con competenze specialistiche in ambito comunicazione e marketing in grado di bilanciare le esigenze di distinzione ed innovazione che muovono la presentazione di ogni nuovo progetto con le normative e le codifiche che regolano la proposizione sul mercato di ausili e dispositivi medici.

Precedente Cliente del mese: Sara Ortopedia
Successiva Medical Device Challenge: ecco come è andata!
Chiudi
Chiudi