In Moretti ci occupiamo, ormai da più di quarant’anni, di ausili e dispositivi per la cura della salute della persona.

Il nostro obiettivo è, da sempre, quello di offrire una gamma di prodotti completa, di alta qualità, sicura e facile da utilizzare, grazie alla quale permettere una piena gestione del paziente, sia in ambiente domestico che in casa di cura o in ospedale, in piena sicurezza.

Tra gli aspetti più delicati e complessi della quotidiana gestione di coloro che, per malattia, disabilità o anzianità, convivono con una più o meno limitata autonomia motoria, vi sono senza dubbio le attività di movimentazione e trasferimento.

Tali passaggi prevedono, nella maggioranza dei casi, il ricorso all’utilizzo di una imbracatura e di un sollevatore o verticalizzatore. Dispositivi che è necessario selezionare previo consulto con un operatore professionale ed in seguito ad un processo di valutazione composito.

La scelta della giusta soluzione di trasferimento

La scelta della giusta soluzione di trasferimento non può infatti prescindere dalla valutazione specifica delle condizioni mediche e di autonomia del paziente, dall’analisi delle specifiche attività di trasferimento che si andranno ad effettuare, dalla considerazione della frequenza con cui queste avverranno, e dell’ambiente in cui saranno svolte.

Tale processo, indispensabile alla corretta selezione della soluzione di trasferimento più idonea al paziente, non dovrà poi esaurirsi con l’avvio della fase d’uso. Data la specificità di applicazione è infatti necessario ri-valutare la condizione del paziente ed i relativi rischi in fase d’uso con regolarità.

In questo articolo vogliamo concentrarci sulle caratteristiche e le specificità che è opportuno considerare in fase di selezione dell’imbracatura, al fine di garantire un trasferimento sicuro, dignitoso e confortevole.

Questo redazionale vuole essere un piccolo vademecum a cui fare riferimento per una scelta consapevole ma, in nessun caso, può sostituire la valutazione specifica da parte di un professionista preparato, a cui affidarsi sia per la selezione che per la definizione delle linee guida per l’uso da parte di un operatore.

La scelta dell’imbracatura

L’imbracatura è l’interfaccia più diretta con il paziente. Essa lo sostiene nelle delicate fasi di movimentazione e deve garantire il maggior livello di confort possibile. A fare la differenza sono qui sia la tipologia di supporto, che può essere più o meno esteso nelle diverse zone del corpo; che la posizione che il paziente andrà ad assumere e le caratteristiche specifiche del tessuto dell’imbracatura stessa.

In fase di selezione è quindi fondamentale valutare:

La tipologia di trasferimento che, grazie ad essa, si andrà ad effettuare. Le imbracature possono infatti essere impiegate per il trasferimento dal letto, e quindi da una posizione distesa, alla carrozzina; o essere utilizzate per il passaggio da una seduta ad un altra; per il trasferimento sul wc o per il passaggio, mediante un metti in piedi o verticalizzatore, da seduti alla posizione eretta.

Le condizioni mediche del paziente, da analizzare tenendo in considerazione la sua capacità funzionale, la capacità di sedersi, il controllo del capo e del collo, le condizioni della cute, quelle del tono muscolare, del peso e dell’ altezza.

Il confort per il paziente, da valutare tenendo in considerazione la specifica patologia o condizione che lo interessa. Considerando quindi le aree del corpo in cui il paziente prova dolore e/o le apparecchiature mediche utilizzate.

I dispositivi con cui si interfaccia l’imbracatura, intesi come il bilancino ed il sollevatore a cui si farà ricorso in fase d’uso, così da verificarne a priori la piena compatibilità.

Le tipologie di imbracatura:

Imbracature Mopedia by Moretti

Cod. RP881

Sono imbracature studiate in ogni dettaglio al fine di facilitare l’operatore nel corretto posizionamento del paziente ed in una sua agevole movimentazione. Possono essere realizzate sia in tessuto a rete, volto a rispondere contemporaneamente alle esigenze di robustezza e traspirabilità, necessaria in caso di contatto con l’acqua; o in tessuto, per garantirne il massimo scivolamento. A caratterizzarle è la presenza di imbottiture nei punti più sensibili e di un robusto nastro, o cinghia spinata, di bordatura, la cui cucitura è realizzata senza tagli su tutto il perimetro dell’imbracatura. Il tutto al fine di ottenere la massima robustezza, tenacità e confort.

Il corretto posizionamento ed orientamento del paziente è poi agevolato dalla presenza di maniglie nelle parte posteriore dell’imbracatura. Specifiche attenzioni sono poi rivolte anche alla fase di movimentazione: in cui la trazione può essere regolata precisamente in più punti: nell’area pelvica, in quella dorsale e, nel caso dei modelli dotati di poggiatesta, in quella del capo. In ogni imbracatura, gli anelli di posizionamento, sono personalizzati con colori diversi per facilitare un attacco simmetrico dell’imbracatura.

Tutte le imbracature Mopedia by Moretti sono poi progettate e realizzate in Italia e dotate di etichetta di controllo riportante i dati del peso massimo del paziente supportato, con cui verificare anche l’idoneità della taglia dell’imbracatura; le norme di riferimento applicate UNI EN ISO 10535; il lotto e la data di produzione; il codice del prodotto e le istruzioni per il lavaggio.

Infine si ricorda che questo redazione fornisce dei suggerimenti e dei consigli di ordine generale. Un operatore dovrebbe sempre cercare un consiglio appropriato e specifico da un professionista adeguatamente qualificato prima di mettere in pratica i metodi di utilizzo qui indicati. Nessun tipo di responsabilità sarà a carico di Moretti SpA.

Imbracature standard Mopedia by Moretti per sollevamalati

Da sinistra: Cod. IM100 – Cod. IM101 – Cod. IM110 – Cod. IM111

Le imbracature standard possono essere impiegate in tutte le situazioni più comuni di sollevamento, in abbinamento con la maggioranza dei sollevatori fissi o mobili.

Le imbracature dotate di poggiatesta sono generalmente idonee ai trasferimenti del paziente sia da posizione supina a seduta che da seduta a seduta, mentre i modelli privi di poggiatesta necessitano di un pieno controllo della zona del capo da parte del paziente e si adattano esclusivamente ad un trasferimento da un seduta ad un’altra.

Imbracature contenitive Mopedia by Moretti per sollevamalati

Da sinistra: Cod. IM120 – Cod. IM130

Le imbracature contenitive offrono sostegno su tutto il corpo e sono dotate di supporti in policarbonato e/o fasce per il suo contenimento. Sono realizzate in Sliptex, un tessuto dalle eccezionali proprietà in termini di resistenza, alto scivolamento e traspirabilità. Sono indicate nei casi di disabilità più impegnativa e consentono un agevole trasferimento sia da posizione supina a seduta che da seduta a seduta.

Imbracature da toilette Mopedia by Moretti per sollevamalati

Da sinistra: Cod. IM140 – Cod. IM141

Sono imbracature impiegate per il sollevamento, il trasferimento e le operazioni igieniche per la toilette. Sono realizzate in Strongtex, un tessuto che unisce ad un’eccezionale capacità di sostegno caratteristiche di alta traspirabilità e rapida asciugatura in caso di contatto con l’acqua. Si caratterizzano per la presenza di un supporto rinforzato ed imbottito nell’area sotto le braccia. Disponibili in versione con o senza poggiatesta.

Imbracature sollevapersone per amputati Mopedia by Moretti

Da sinistra: Cod. IM150

Si tratta di imbracature pensate specificamente per persone con amputazioni mono o bilaterali degli arti inferiori. Tali supporti vanno a sostenere la zona del tronco e delle gambe ma prevedono un buon controllo autonomo del paziente della zona del collo e del capo. Prevedono, in fase di trasferimento, il mantenimento di una posizione seduta eretta e sono idonee al trasferimento da una seduta ad un’altra.

Imbracature per verticalizzatore

Da sinistra: Cod. RP893 – Cod. RP896

Sono imbracature idonee all’utilizzo con un metti in piedi (verticalizzatore). Possono prevedere un sostegno esclusivamente nella zona dorsale, volto ad accompagnare la schiena del paziente grazie ad una cintura addominale ed una doppia imbottitura nella zona sottoascellare o estendere il proprio supporto anche all’area pelvica. Le imbracature per verticalizzatore Mopedia non scorrono lungo il dorso e non prevedono un’eccessiva pressione nella zona sottoascellare, garantendo al contempo pieno sostegno e massimo confort al paziente.

Vuoi saperne di più?

Consulta il nostro catalogo prodotti o rivolgiti all’agente di zona più vicino a te.

Mostra il contenuto completo

Autore Visualizza notizie

Redazione
Redazione

Moretti Service and Consulting è un’agenzia di comunicazione specializzata in ambito healthcare. MSC è un vero e proprio spin off aziendale, un comparto con competenze specialistiche in ambito comunicazione e marketing in grado di bilanciare le esigenze di distinzione ed innovazione che muovono la presentazione di ogni nuovo progetto con le normative e le codifiche che regolano la proposizione sul mercato di ausili e dispositivi medici.

Precedente Nasce la nuova gamma Helios! Ancora più leggerezza senza rinunciare al comfort.
Successiva Pepitosa e le Capitali della cultura: Le “guide carrozzate”
Chiudi
Chiudi